23 October 2021

Fuorigioco ai tempi del Covid-19

Guardalinee

Guardalinee

La regola del fuorigioco è da sempre quella su cui tifosi si sono scontrati, scambiandosi reciproci sospetti di furti sportivi ed incrinando rapporti tra amici.

Nel calcio un giocatore si trova in posizione di fuorigioco se si trova nella metà campo avversaria, più avanti rispetto al pallone e se tra lui e la linea di fondo campo non ci sono almeno due giocatori avversari.

Nel rugby invece un giocatore è in fuorigioco se si trova più avanti rispetto al proprio compagno che per ultimo ha avuto il possesso della palla, o che magari ancora lo ha.

Quindi sia nel calcio che nel rugby il fuorigioco di per sé non costituisce un’infrazione da sanzionare, ma lo diventa nel momento in cui il giocatore “in posizione di fuorigioco” diventa attivo nel gioco. L’interpretazione di ciascun caso è poi affidata alla squadra arbitrale, ormai affiancato dal VAR anche nel calcio.

Ecco però, tornando al concetto iniziale, ovvero quello secondo il quale il fuorigioco possa intaccare il rapporto tra le persone, ebbene dal 4 maggio abbiamo potuto finalmente riabbracciare i nostri più cari amici ed abbiamo imparato a chiamarli “congiunti”.

Svestito il pigiama che ci ha custoditi per due mesi, ci prepariamo per incontrare i nostri amici, andiamo di corsa giù per le scale e finalmente siamo per strada, col sorriso nascosto dalla mascherina.

Come una bandierina che sventola nel cielo azzurro, come il fischio di un arbitro che irrompe tra i cori dei tifosi, davanti a noi si materializza il Signor Brigadiere con la sua paletta ed il suo scintillante fischietto, ci spiega che secondo il DPCM i congiunti sono “le persone che sono legate da uno stabile legame affettivo”.

Noi rispondiamo che tutto sommato, nonostante le tante sfuriate sportive, al nostro amico vogliamo molto bene, ma il Sig. Brigadiere non sente ragioni ed il VAR non è lì a regalarci un’ultima speranza.

Questa volta in fuorigioco ci siamo finiti noi!

Guardalinee
Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *